L’aria può muovere le cose. Pensa alle foglie e la sabbia quando c’è vento. Può aumentare la velocità o rallentarla (pensa a una bicicletta che va in direzione del vento o contro di esso).  Quando Giovanni Caboto navigava attendeva l’aiuto dell’aria (la chiameremo vento) per viaggiare. Oggi le grandi navi usano i motori ma alcuni ancora usano il vento per manovrare piccole imbarcazioni come le barche a vela. 

Materiale occorrente

Liquido per bolle di sapone

Cannuccia

Ventilatore

Descrizione dell’esperimento

Usando il liquido prendi la cannuccia e immergila nell’acqua.  

Soffia:

1. Leggermente. 

2. Più forte

Scrivete quello che osservate nelle due situazioni.

Ripetete le istruzioni quando avete soffiato nella vostra bolla usate il ventilatore e osservate in quale direzione vola.

Materiale occorrente

Carta 8.5×11

Forbici

Nastro adesivo

Pennarello, colore, fiocchi o decorazioni

Descrizione dell’esperimento

Piegate in due la carta 8.5×11.

  1. Piegate gli angoli del margine piegato verso il centro.
  2. Piegate verso l’alto le estremità rettangolari. La barca dovrebbe assomigliare ad un cappello. 
  3. Piegate gli angoli in basso, girate dall’altra parte e fate lo stesso. 
  4. Aprite la barca come fosse un cappello e piegatela a quadrato.  
  5. Piegate i lembi in basso verso l’alto e formate un altro triangolo. 
  6. Ora il triangolo deve essere piegato in un quadrato. 
  7. Prendete gli angoli in alto e tirateli giù per formare la barca. 
  8. Mettete nastro adesivo sul fondo così che possa galleggiare.
  9. Mettetela a galleggiare su dell’acqua per testarla. 
  10. Usando il vostro fiato, oppure un ventilatore, provate a farla muovere.